Documenti
Circolari

Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
Convenzioni
Convenzioni

Corsi di formazione per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS)

Aperte le iscrizioni

L’Organismo Paritetico Provinciale dell’Aquila, costituito in seno a Confindustria L’Aquila con le rappresentanze sindacali provinciali CGIL, CISL E UIL, ha organizzato la sessione di formazione autunnale per i RLS.
I corsi, riservati ai lavoratori che sono stati eletti o designati Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, garantiscono ai partecipanti le nozioni e gli approfondimenti necessari per esercitare con efficienza e completezza la funzione di RLS all'interno dell'organizzazione del sistema di prevenzione e protezione aziendale.



I corsi di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori (RLS) per la Sicurezza sono rivolti a:

- RLS di "prima nomina": formazione di 32 ore;
- RLS già nominati e che necessitano dell'aggiornamento annuale obbligatorio di 4 o 8 ore *.

* La durata dell’aggiornamento periodico non può essere inferiore a 4 ore annue per le aziende che occupano fino 50 lavoratori e ad 8 ore annue per le aziende che ne occupano più di 50. Alla luce di tale obbligo sono tenuti all’aggiornamento tutti i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) in carica.


Attestazioni Al termine dei corsi, a valle del superamento della prova di verifica di apprendimento, sarà rilasciato ai partecipanti un attestato di avvenuta formazione valido sull’intero territorio nazionale.

Sede e orari Le attività formative si terranno presso la sede di Confindustria L’Aquila (in località Campo di Pile a L’Aquila) secondo il seguente calendario:


aggiornamento RLS - 4 ore: giovedì 3 novembre 2016

orario matt. 9,00 – 13,00


aggiornamento RLS - 8 ore: giovedì 3 novembre 2016

orario matt. 9,00–13,00; pom. 14,00-18,00




corso RLS - 32 ore: martedì 8 novembre 2016

giovedì 10 novembre 2016

martedì 15 novembre 2016

giovedì 17 novembre 2016


I corsi di formazione si terranno al raggiungimento di un numero minimo di 6 adesioni.

Le Aziende interessate sono invitate a compilare la scheda di iscrizione e trasmetterla all’Organismo Paritetico Provinciale - c.a. dott. Francesco De Bartolomeis (tel. 0862/317938 - fax 0862/317939 – debartolomeis@confindustria.aq.it).

Scheda iscrizione corsi RLS: scheda_di_partecipazione_corsi_rls.pdf





Stampa veloce


Bando "Confindustria per i Giovani 2017"

domande entro il 20 ottobre

Anche quest'anno Confindustria organizza un percorso formativo di 6 mesi rivolto a 25 giovani neolaureati, con Laurea conseguita non prima del 7 febbraio 2016 ed entro il 1° dicembre 2016.
Il percorso, denominato "Confindustria per i giovani 2016‐2017”, avrà inizio a febbraio 2017, con una durata complessiva di 6 mesi, durante i quali i candidati prescelti saranno inseriti in stage presso una delle sedi del Sistema di Rappresentanza distribuite sull’intero territorio nazionale ed europeo.
Ai candidati prescelti verrà riconosciuto un rimborso spese mensile pari a 1.000 euro lordi per i 6 mesi di stage.

Per maggiori informazioni consulta il bando: bando_edizione_2017.pdf


Stampa veloce


Garanzia sul credito. Convenzione ITAL CONFIDI – BCC ROMA.

Siamo lieti di comunicarVi che Ital Confidi, struttura di riferimento per tutti i Soci di Confindustria L’Aquila per quanto riguarda l’accesso al credito, ha stipulato una convenzione con la Banca di Credito Cooperativo di Roma (BCC Roma).
La convenzione con BCC garantisce fidi a breve per la gestione del capitale circolante e finanziamenti a medio e lungo termine chirografari ed ipotecari, per un massimo del 50% sul totale richiesto.

La Banca di Credito Cooperativo di Roma è presente nella provincia dell’Aquila con 18 filiali e può operare su tutto il territorio aquilano ad eccezione della Valle Peligna.

Ital Confidi, struttura consortile che opera dal 1977 nel comparto del credito e delle garanzie bancarie, ha in essere convenzioni anche con i seguenti Istituti di credito: Intesa SanPaolo, Banca Popolare Dell’Emilia Romagna, Banca Tercas, Nuova Carichieti, Banca Popolare di Spoleto e Unicredit (clicca qui per scaricare il depliant illustrativo di Ital Confidi).

Le Imprese interessate ad ottenere un fido e a conoscere in dettaglio le condizioni operative della convenzione con BCC Roma, sono invitate a contattare il c.a. del Dott. Marco Masciocchi – responsabile di Ital Confidi per la filiale dell’Aquila (c/o Confindustria L’Aquila) – masciocchi@italconfidi.it – mob. 329.4217662 - fax al n. 0862.317939.



Stampa veloce


Rapporto Scenari economici "Le sfide della politica economica"

15 settembre 2016

Nel corso dell’estate lo scenario è ulteriormente peggiorato. Le tensioni geopolitiche non si sono mitigate. Al contrario, sono state intensificate dal fallito golpe in Turchia, dal risultato shock delle elezioni politiche in un Land tedesco e dai nuovi attentati terroristici.
L’andamento dell’economia non solo interagisce strettamente e nei due sensi con tale quadro politico incerto, ma di per sé si rivela più fragile dell’atteso.
La crescita mondiale di produzioni e commerci ne risente significativamente. Ante-crisi il PIL aumentava del 3,2% annuo e gli scambi di beni del 6,8%. Ora non vanno oltre il 2,4% il primo e l’1,8% i secondi.
Nel contesto di accresciuta turbolenza globale l’economia italiana presenta una debolezza superiore all’atteso. La risalita del PIL si è arrestata già nella scorsa primavera. Gli ultimi indicatori congiunturali non puntano a un suo rapido riavvio, piuttosto confermano il profilo piatto.
Sul piano dell’avanzamento economico, il Paese ha alle spalle un quindicennio perduto. Ai ritmi attuali di incremento del prodotto, l’appuntamento con i livelli lasciati nel 2007 è rinviato al 2028 mentre non verrà mai riagguantato il sentiero di crescita che si sarebbe avuto proseguendo con il
passo precedente, pur lento.
La crisi, infatti, ha comportato un netto abbassamento del potenziale di crescita italiano, che nelle stime dell’FMI è sceso dall’1,2% allo 0,7%. Oltre ad aver diminuito l’utilizzo della capacità produttiva ancora esistente.
È vitale proseguire e anzi approfondire il processo riformista. Ciò dipende dall’esito del referendum sulle modifiche alla Costituzione, le quali migliorerebbero la governabilità del Paese e aiuterebbero a far cadere alcuni degli impedimenti agli investimenti elencati sopra.
Infine, gli investimenti sono penalizzati dalla bassa redditività. Che è ai minimi storici, mentre è ai massimi la quota del lavoro sul valore aggiunto per effetto di una dinamica salariale che nel settore privato (e soprattutto nel manifatturiero) fino al 2015 è stata indifferente all’intensa recessione e al grave aumento della disoccupazione. Al contrario, in Spagna dal 2012 si è iniziato a considerare nella contrattazione le condizioni occupazionali.
Tutto ciò avvilisce la propensione a investire e a innovare delle imprese italiane, propensione che spicca nel confronto europeo.
L’urgenza di misure a favore degli investimenti e che spronino la produttività è ribadita dalla sostanziale conferma delle previsioni CSC di bassa crescita: +0,7% il PIL nel 2016 e +0,5% nel 2017.

In allegato il rapporto: Rapporto settembre 2016.pdf



Stampa veloce


Sportello MEPA Confindustria L’Aquila - Pubblicati i Capitolati Speciali relativi all’iniziativa Conto Termico 2.0.

Sono stati pubblicati sul Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione i Capitolati Speciali relativi all’iniziativa Conto Termico 2.0.
L’obiettivo è contribuire a costruire un "Paese più efficiente", agevolando la realizzazione degli interventi per l'incremento dell'efficienza energetica e della produzione di energia termica da fonti rinnovabili e favorendo l'accesso delle Pubbliche Amministrazioni al meccanismo incentivante del Conto Termico 2.0 regolato dal DM 16.02.2016.

Per fare ciò, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Consip e il Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. (GSE) hanno inserito, nell’ambito del bando del Mercato Elettronico Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica (MePA FREE), una serie di "prodotti" denominati "Conto Termico 2.0".

Le Pubbliche Amministrazioni possono, quindi, già acquistare i beni e servizi - elencati nella "Tabella Prodotti Capitolati Speciali Conto Termico 2.0" – creando una Richiesta di Offerta nell’ambito del MePA FREE, utilizzando le specifiche schede-prodotto "Conto Termico 2.0" e accedere agli incentivi attraverso il portale Portaltermico del GSE secondo le modalità di accesso diretto o tramite prenotazione.

Dal punto di vista degli incentivi, la dotazione finanziaria riservata dal GSE alle P.A. è di 200 milioni di euro annui, di cui il 50% è destinato a interventi tramite "accesso con prenotazione" che consente di ottenere un anticipo dell'incentivo all'avvio dei lavori.

L'ammissione al sistema di incentivazione del Conto Termico è subordinata al rispetto delle disposizioni del DM 16/02/2016 - e dei requisiti previsti dalle Regole Applicative relative alle modalità di assegnazione ed erogazione degli incentivi, pubblicate sul sito del GSE - che disciplinano tutti gli aspetti di ammissibilità delle richieste.

L'incentivo è concesso dal GSE fino a un massimo del 65% dei costi ammissibili, ma per le P.A. è comunque prevista - dall'art.12, comma 3, del Decreto - la cumulabilità con altri incentivi in conto capitale, anche statali, fino al 100% delle spese ammissibili.

Per maggiori informazioni è possibile contattare lo Sportello Mepa-Confindustria L’Aquila: Dott. Paolo Gargano (gargano@confindustria.aq.it) – tel. 0862 317938




Stampa veloce


Modesto rimbalzo dell’attività industriale in luglio. Si delinea un andamento piatto nel terzo trimestre

La produzione industriale italiana è aumentata dello 0,4% in luglio, compensando in parte la riduzione che si era registrata nei due mesi precedenti (-0,9% cumulato). Nel manifatturiero si è avuto un incremento più marcato (+0,9%) ma il calo in maggio e giugno era stato più profondo (-1,3%).
Il profilo dell’attività industriale rimane sostanzialmente piatto negli ultimi mesi. Nel terzo trimestre la variazione congiunturale acquisita è nulla (nel secondo si era avuto un calo dello 0,4%).
Gli indicatori qualitativi coincidenti e anticipatori, in peggioramento nei mesi estivi, sono coerenti con un andamento invariato dell’attività nel terzo trimestre e non preannunciano una risalita della produzione industriale in autunno. In particolare, l’indice della componente produzione del PMI manifatturiero (Markit) è sceso a 50,5 in agosto (da 52,8 in luglio), a causa soprattutto del calo degli ordini totali (-2,4 punti, a 48,8, minimo da un anno e mezzo). Tra questi ultimi, la componente interna ha registrato una flessione; quella estera risulta ancora in marginale espansione, seppure a un ritmo più lento rispetto a quello rilevato in luglio (indice a 50,5 da 51,1, minimo da ottobre 2014). Indicazioni analoghe vengono dall’indagine ISTAT sulla fiducia nel manifatturiero.



Stampa veloce


Confindustria, Cgil, Cisl e Uil condividono proposte su politiche del lavoro

Roma, 1° settembre 2016 - Confindustria, Cgil, Cisl e Uil hanno sottoscritto un insieme coerente di proposte, concepito per essere attuato nella sua interezza, con il fine di affrontare al meglio la difficile situazione congiunturale e governare con più efficacia i processi di transizione industriale. Gli indicatori del mercato del lavoro risentono, infatti, di una situazione di debolezza, i recenti interventi legislativi di riforma degli ammortizzatori sociali hanno sensibilmente ridotto lo spazio di azione delle politiche passive del lavoro e manca ancora un assetto compiuto delle politiche attive.

Il documento propone un modello innovativo di gestione delle crisi e delle ristrutturazioni aziendali che mette al centro la ricollocazione dei lavoratori, assegnando alle parti sociali, attraverso la contrattazione, un ruolo attivo e di grande responsabilità.

In particolare, sono state individuate specifiche soluzioni da adottare in due differenti contesti:
· nelle imprese interessate dalla CIGS, laddove siano previsti esuberi, si propone, attraverso un accordo sindacale, la condivisione di un "piano operativo di ricollocazione" finalizzato a favorire la formazione e la ricollocazione dei lavoratori, già durante il periodo di cassa integrazione. Per le attività di formazione e di outplacement le parti hanno previsto la possibilità di operare attraverso i fondi interprofessionali;
· nelle imprese che operano in aree di crisi industriale complessa e non complessa, laddove vi siano concrete possibilità di rilancio delle attività produttive, si propongono, oltre alle misure sopra descritte, anche alcuni correttivi alla disciplina degli ammortizzatori sociali.

Confindustria, Cgil, Cisl e Uil confidano nella condivisione di queste proposte da parte del Governo e ne auspicano la piena attuazione, forti della convinzione che, nell'attuale contesto produttivo ed economico, siano utili per dare risposte adeguate a imprese e lavoratori.



Stampa veloce


SAVE THE DATE - Convegno Nazionale "Sicurezze integrate nel sistema Italia" - L'Aquila, 23 settembre 2016.

Iscrizioni on-line

Segnaliamo il convegno nazionale organizzato dall'AIAS in programma a L'Aquila, Venerdì 23 settembre 2016 dalle 08:30 alle 18:00, presso l'Auditorium Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza - Viale delle Fiamme Gialle.
Iscrizione obbligatoria on-line.

Scarica la locandina del convegno: Convegno_AQ 23 settembre.pdf


Stampa veloce


Convenzioni Confindustria: le offerte del mese di Settembre

Gentili Associati, dopo la pausa di agosto riprende l'appuntamento con le aziende partner del mese. Settembre vede come aziende protagoniste Hertz e Cribis.
Scarica la nostra newsletter con le relative promozioni: convenzioni_confindustria_settembre_2016.pdf


Stampa veloce


Intervista al Presidente Boccia su Repubblica

In allegato pubblichiamo l'intervista del 31 agosto che il presidente Boccia ha rilasciato a Repubblica sulle aspettative delle imprese rispetto alla prossima legge di Stabilità, sul referendum e la trattativa con i sindacati, con cui è fissato un incontro domani, primo settembre.
Scarica l'intervista: intervista_repubblica.pdf




Stampa veloce


Vai a pagina       >>  



Ultime Aziende Associate
Struttura Operativa