Documenti
Circolari

Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     
Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
Convenzioni
Convenzioni

Congiuntura Flash. Analisi mensile del Centro Studi Confindustria. Aprile 2016

Nello scenario economico mondiale si sono delineate tendenze poco brillanti ma meno preoccupanti di qualche mese fa. Le stime della crescita globale sono state ulteriormente ribassate dall’FMI (3,2% nel 2016); sono ritmi appena inferiori a quelli di lungo periodo (3,5% nel 1980-2015) e andrebbero consolidati da un’azione internazionale coordinata che utilizzi tutte le leve disponibili.
Azione che non si riesce a mettere in campo nemmeno nella UE, dove ce ne sarebbe più bisogno per contrastare le forze centrifughe e i movimenti nazionalpopulistici. Il fronte politico continua a generare turbolenze: il referendum sulla Brexit e le tensioni per la gestione dei flussi migratori offuscano l’orizzonte decisionale.

L’espansione americana non è vorticosa ma mostra segni di accelerazione proprio nel manifatturiero, dove negli ultimi mesi era apparsa ingripparsi; jobs e redditi personali salgono e preparano il terreno per un più robusto aumento dei consumi. La locomotiva cinese non sta deragliando; qualche progresso si osserva perfino in Russia e Brasile.

I prezzi delle materie prime hanno trovato un pavimento (il petrolio ben superiore ai minimi di gennaio). L’Eurozona avanza, trainata dalla domanda interna, ma ha un passo troppo modesto per sanare la voragine occupazionale scavata dalla crisi. In Italia il PIL è stimato dal CSC in aumento dello 0,3% nel primo trimestre e gli ordini interni fanno intravedere un analogo risultato nel secondo.

Consumi e investimenti avanzano (ma segnali di rallentamento nella seconda metà dell’anno); l’export è in stallo. Bene l’occupazione. Il credito resta un grave ostacolo: i prestiti bancari scendono ancora benché la loro domanda sia rilevata in aumento anche per investimenti; il primo marcato calo delle sofferenze dal 2008, registrato in febbraio e favorito dalle misure governative, potrebbe costituire il punto di svolta. Il DEF programma una politica di bilancio correttamente meno restrittiva.

Allegato: cf_aprile_2016.pdf



Stampa veloce


Convegno "Legge, istituzioni e autonomia collettiva dopo il Jobs Act". L'Aquila, 3 maggio ore 14.30

Siamo lieti di invitare tutte le Imprese al Convegno nazionale LEGGE, ISTITUZIONI E AUTONOMIA COLLETTIVA DOPO IL JOBS ACT che si terrà martedì 3 maggio, dalle ore 14.30 presso la nostra Sala Conferenze.

Il Convegno, che rappresenta il momento istituzionale conclusivo dell’iniziativa “IL LAVORO DOPO IL JOBS ACT – Impresa, Sindacato, Politica”, si pone l’obiettivo di focalizzare la discussione sul ruolo delle parti sociali e delle istituzioni alla luce dei recenti interventi normativi in materia di lavoro, ipotizzando scenari possibili su cui saranno chiamati a confrontarsi.
PROGRAMMA DEI LAVORI

Saluti
Marco Fracassi - Presidente Confindustria L’Aquila – Abruzzo Interno

Modera e Introduce
Marco Marazza


Intervengono

Stefania Pezzopane - Componente Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Franco Martini - Segreteria nazionale CGIL

Gigi Petteni - Segreteria nazionale CISL

Guglielmo Loy - Segreteria nazionale UIL

Roberto Boggio - Presidente Assocontact e Regional General Manager Continental Europe Transcom Worldwide

Filippo Taddei - Segreteria nazionale PD – Responsabile Economia e Lavoro

Dibattito e Conclusioni


Le adesioni vanno comunicate all’indirizzo: posta@confindustria.aq.it – tel. 0862.317938.

convegno_conclusivo_3_maggio_il_lavoro_dopo_il_jobs_act.png




Stampa veloce


Evento UNIRETE. Roma, 9 e 10 giugno. Opportunità per le imprese di Confindustria L'Aquila.

Iniziativa B2B interamente dedicata allo sviluppo del networking e del business delle aziende

Nell’ambito dei rapporti di collaborazione tra Confindustria L’Aquila e Unindustria Lazio (Unione degli industriali di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo), quest’anno le nostre imprese associate avranno l’opportunità di partecipare alla seconda edizione di UNIRETE, la grande iniziativa B2B interamente dedicata allo sviluppo del networking e del business delle aziende del sistema Confindustria.

L’edizione 2016 di UNIRETE sarà ricca di incontri ed opportunità per le imprese. Già dai primi di aprile è attiva la piattaforma on-line di business matching per farsi “trovare” da aziende, stakeholder e attori del mercato di riferimento e cominciare a programmare gli incontri che si terranno dal vivo il 9 e 10 giugno al Palazzo dei Congressi dell’Eur e on-line fino al 26 settembre 2016.

Quest'anno la City del business si animerà infatti attraverso numerose piazze affari, rappresentative di altrettanti cluster tematici e progetti di interesse strategico per il territorio e le imprese: Scienze della vita, Turismo e made in Italy, Smart future e Industria 4.0.
All’interno delle piazze del business le aziende avranno la possibilità di presentare i propri servizi e prodotti e soprattutto incontrare delegazioni di imprese nazionali ed internazionali, stakeholders e attori del mercato di riferimento.

I temi portanti della due giorni saranno l'innovazione e l'internazionalizzazione, con eventi straordinari, quali il Premio Unirsi per l’impresa, dedicato alle start-up innovative del territorio, ed il workshop Eurasia alla presenza di istituzioni ed aziende leader del mercato asiatico.

La sera del 9 giugno il Palazzo dei Congressi verrà inoltre animato dall'evento: "A cena con Unindustria", imperdibile appuntamento associativo interamente dedicato al networking fra imprese e decision maker del territorio.

Le imprese interessate possono partecipare alla manifestazione in qualità di espositori secondo le modalità indicate nella presentazione allegata.

Per informazioni: dott. Francesco De Bartolomeis (tel. 0862.317938 – debartolomeis@confindustria.aq.it).

unirete_presentazione_generale_per_sponsor_ed_espositori_2016.pdf






Stampa veloce


Convenzioni Confindustria L’Aquila - Risparmio assicurato per il mese di Aprile!

Grandi vantaggi e risparmio assicurato per il mese di APRILE.
Le Aziende partner protagoniste del mese di aprile sono: Alitalia, Cathay Pacific, Coface, Eni, Mediaset Premium.

Consulta la newsletter con le offerte riservate alle nostre associate: convenzioni_confindustria_aprile_2016.pdf


Stampa veloce


Conti pubblici più flessibili per sostenere le riforme

Nota Centro Studi Confindustria

La flessibilità nelle regole europee su bilanci pubblici è cruciale per il successo delle riforme strutturali. Varata un anno fa, richiede una revisione nella dimensione e nei tempi di rientro. La valutazione dei conti si basa, poi, su stime opinabili dei saldi strutturali.

Scarica la nota integrale: nota_csc_3-2016.pdf


Stampa veloce


Pubblicata dal MISE la guida per le agevolazioni fruibili dalle imprese

Il Mise ha pubblicato una guida sulle agevolazioni per le imprese, che raccoglie tutte le misure attualmente fruibili dalle imprese, suddivise in quattro macro-aree di intervento (sostegno alla competitività, sostegno all’innovazione, efficienza energetica, internazionalizzazione) e un focus speciale sulle startup e PMI innovative.
agevolazioni_mise_per_le_imprese.pdf


Stampa veloce


Operatività uffici di Avezzano

Avviso

Il personale di Confindustria L’Aquila è a disposizione delle Imprese associate nella sede di Avezzano (presso Sviluppo Italia - Nucleo Industriale, Viale Newton), previo appuntamento, nelle giornate di martedì e giovedì.
L’apertura degli uffici di Avezzano risponde all’esigenza di rafforzare la presenza nelle aree interne della provincia dell’Aquila, con l’erogazione di servizi di prossimità (servizio sindacale, di assistenza energetica, di supporto ai finanziamenti, fiscale e societario, formazione e credito, etc.) garantendo qualità, professionalità e vicinanza agli Associati.


Stampa veloce


La congiuntura dell'industria metalmeccanica

L’attività produttiva dell’industria metalmeccanica è stata caratterizzata nel corso del 2015 da andamenti divergenti.
A dinamiche espansive osservate nella prima parte dell’anno, si sono contrapposti, infatti, andamenti moderatamente recessivi nella seconda metà.

Scarica la sintesi dell'indagine congiunturale: indagine-congiunturale-2015-sintesi.pdf




Stampa veloce


Le nuove regole sulle banche aumentano i rischi per l’economia e frenano la crescita in Italia

Nota del Centro Studi Confindustria

Alcune regole per le banche adottate di recente in Europa e altre che sono in discussione, tutte in teoria mirate a rafforzare il sistema bancario e ridurre i rischi per l’economia, sono in realtà controproducenti. Non solo per le economie dei paesi periferici, dove oggi si registrano le maggiori difficoltà, ma anche per quelle dei paesi core, che più hanno ispirato quelle regole.
La proposta di porre un limite all’acquisto di titoli di Stato domestici da parte delle banche non spezza il legame tra debito bancario e debito sovrano. I sistemi bancari restano “nazionali” perché in ogni paese il rendimento dei titoli di stato guida i tassi di medio-lungo termine, in particolare il costo della raccolta bancaria. Inoltre, quel limite non farà fluire più credito all’economia, anzi lo ridurrà.

Le nuove regole per i salvataggi bancari (bail-in), che impongono perdite ad azionisti, obbligazionisti e correntisti sopra i 100mila euro degli istituti in crisi, sono volte a tutelare il contribuente; in realtà, a fronte di difficoltà sistemiche, quadruplicano i costi per i contribuenti. La grande mole di crediti deteriorati nei bilanci bancari è stata causata dalla lunga e profonda recessione, non da una erogazione di prestiti poco accorta. Un insieme di interventi per liberare
subito i bilanci bancari, tra cui la creazione di più società veicolo in cui trasferire le sofferenze, la diluizione delle eventuali perdite in più esercizi e l’accelerazione dei tempi di escussione delle garanzie, è indispensabile per rilanciare il credito e l'economia, ma alcune misure sono ostacolate dalle nuove norme europee. Le garanzie statali a prezzi di mercato non risolvono il problema.

Leggi la Nota completa: nota_csc_1-2016_-_banche.pdf




Stampa veloce


“L’Industria della Ricostruzione”

L’Aquila, 17 febbraio 2016 - ore 15:30

INVITO – La Regione Abruzzo, in collaborazione anche con Confindustria L’Aquila, da tempo lavora per favorire una strategia di ripresa e l’avvio di progetti industriali caratterizzati da ricerca tecnologica e innovazione produttiva.
Le iniziative più significative, molte delle quali seguite, sia per gli aspetti tecnici che politici, dalla nostra Associazione, saranno presentate nel corso di un evento il prossimo 17 febbraio alle 15:30 a L’Aquila, presso l’Auditorium del Parco.

Protagoniste dell’occasione saranno grandi aziende di valore nazionale ed internazionale tra le quali Sanofi Aventis, Dompé, Ste, Accord Phoenix, Delta Wings, L.Foundry, Wts e prestigiose istituzioni scientifiche come l’INFN, l’Università dell’Aquila, il Laboratorio del Gran Sasso, GSSI.

Interverranno, inoltre, Carlo Sappino, Direttore generale del MISE, Bernardo Mattarella di Invitalia e Giampiero Marchesi del DiSET della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
L’incontro costituisce un momento importante di riflessione per l’economia e il territorio Aquilano e dell’Abruzzo Interno.

Le Imprese Associate sono invitate a partecipare.



Stampa veloce


Vai a pagina       >>  



Ultime Aziende Associate
Struttura Operativa