Documenti
Circolari

Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
Convenzioni
Convenzioni


Presentazione MEPA




Internazionalizzazione – Operatività dell’Export Flying Desk (ICE) in Abruzzo.




Segnaliamo che ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) al fine di accompagnare il maggior numero di imprese verso l'internazionalizzazione, garantendo una più stretta vicinanza al tessuto produttivo locale, ha aperto anche in Abruzzo un desk regionale di assistenza, mettendo a disposizione delle aziende incontri settimanali per la programmazione personalizzata di attività di promozione e assistenza all'export da prenotare alla seguente pagina.

Un team dedicato di professionisti sarà presente in Abruzzo, per un giorno alla settimana, quale punto di riferimento locale in collegamento con gli uffici di promozione settoriale e la rete dei 79 uffici ICE all’estero.

Invitiamo tutte le Aziende interessate ad incontrare un funzionario ICE ed approfondire l'offerta dei servizi dell'Agenzia mirati ad affrontare nuovi mercati, a richiedere un appuntamento attraverso il seguente form online.

Per ulteriori informazioni è possibile far riferimento al dott. Pietro Goglia - Ufficio Servizi alle Imprese - T. 06.59929481 - p.goglia@ice.it






Stampa veloce


Protagonisti di questa settimana sono i Soci: VIBAC S.p.A.; VIBROCEMENTI L’AQUILA S.r.l.; VIGILANZA GROUP SOC. COOP. A.r.l.; WASH AGENCY S.r.l.



VIBAC S.p.A.: Il Gruppo Vibac, da sempre impegnato a sviluppare innovazione nel campo dei film speciali per l’imballaggio e del nastro adesivo ad alto contenuto tecnologico,
opera in particolare nel settore del BOPP film, con produzione di superfici biorientate trasparenti, metallizzate, bianche espanse o bianche solide. Ha sede a Bazzano (AQ)
Referente associativo: Giovanni Cavalli
Sito internet: www.vibacgroup.com


VIBROCEMENTI L’AQUILA S.r.l.: Con più di 60 anni di attività, la Famiglia Rainaldi ha creato un Gruppo di Imprese ed Aziende specializzate nel settore dell’edilizia civile e industriale. L’Azienda produce prefabbricati in C.A. e C.A.P. industriali e commerciali, operando su tutto il territorio nazionale. Ha sede a Bazzano (AQ)
Referente associativo: Ezio Rainaldi
Sito internet: www.grupporainaldi.it


VIGILANZA GROUP SOC. COOP. a r.l.: La Cooperativa presta servizi di vigilanza di vario tipo: gestione di allarmi elettronici a distanza, a mezzo di una centrale operativa, interventi di vigilanza periodica mediante guardie e vigilanza fissa presso aziende. Ha sede a Bazzano (AQ)
Referente associativo: Luciano Crispoldi
Sito internet: www.vigilanzagroup.it


WASH AGENCY S.r.l.: Nata nel 1994, con sede a l'Aquila, garantisce da sempre un'ampia gamma di servizi, dalla pulizia alla sanificazione ambientale, dalla manutenzione del verde al servizio di facchinaggio, dalla gestione di magazzino al servizio di reception.
Referente associativo: Fiorella Bafile
Sito internet: www.washagency.com




Stampa veloce


Connext 2020 - Milano, 27 e 28 febbraio 2020. Aperte le iscrizioni!



Comunichiamo che sono aperte le iscrizioni per Connext 2020, che dopo il successo della prima edizione, con 7000 ingressi registrati, 2500 B2B e 450 aziende espositrici, torna a Milano il 27 e 28 febbraio, presso il MiCo.

Sul sito Connext.confindustria.it le imprese troveranno tutte le informazioni sulle modalità per essere protagoniste di questa nuova edizione.

Connext è l’incontro nazionale di partenariato industriale di Confindustria, organizzato per rafforzare l’ecosistema del business in una dimensione di integrazione orizzontale e verticale, di contaminazione con il mondo delle startup e di crescita delle filiere produttive.

Le imprese con Connext potranno condividere bisogni e percorsi di crescita grazie ai B2B organizzati su 4 aree tematiche: “La fabbrica intelligente”, “Le città del Futuro”, “Pianeta sostenibile”, “La persona al centro del progresso”.

Tra le novità di cui si arricchisce questa seconda edizione di Connext si inseriscono i laboratori tematici, incontri in cui le imprese lavoreranno insieme per sviluppare conoscenza, incentivare relazioni e potenziare la presenza della manifattura.
Grande visibilità, nei “Laboratori”, è riservata ai temi di più stretta attualità per le aziende come l’Economia circolare, Tecnologie per sostenibilità, Efficienza energetica e Fonti rinnovabili, Ricerca e Innovazione, tecnologie e formazione 4.0.

Una forte attenzione viene riservata alle filiere, che diventano modello di business e driver strategico dell’iniziativa, con l’identificazione e valorizzazione di imprese leader nel ruolo di capofila. Come ulteriore elemento di novità, viene data visibilità a prodotti e progetti innovativi ‘flagship’, da riprodurre fisicamente nello spazio espositivo, oggetti simbolo come la nave o l’auto elettrica, e intorno ai quali organizzare la presenza degli espositori, dove le aziende possono immaginare e poi toccare con mano spunti di collaborazione.

Il perimetro dell’iniziativa è nazionale e internazionale: sono attese imprese dai Paesi del Mediterraneo e dell’Africa, dell’Europa centro-orientale e dell’Unione europea, aree prioritarie per lo sviluppo dei partenariati privato-privato.

Come lo scorso anno le iscrizioni e i pagamenti avverranno on line direttamente dal Sito. Quest'anno è disponibile un centro di Supporto raggiungibile all' indirizzo https://connext.confindustria.it/helpdesk/


Si allega la brochure ufficiale di CONNEXT 2020 con tutti i dettagli per la partecipazione.

connext_2020_brochure.pdf


Stampa veloce


Rapporto Esportare la dolce vita 2019 - PER LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY OPPORTUNITÀ PER 45 MILIARDI DI EURO

EXPORT: PER LE ECCELLENZE DEL MADE IN ITALY OPPORTUNITÀ PER 45 MILIARDI DI EURO



Roma, 18 novembre 2019 - L’Italia è campione di qualità nel mondo attestandosi al terzo posto nella classifica internazionale degli esportatori dei beni finali di consumo di fascia alta. Le eccellenze del made in Italy (il bello e ben fatto) valgono 86 miliardi di euro di export nel mondo, rappresentano il 15,6 per cento delle esportazioni complessive dell’Italia e sono trasversali a tutti i principali comparti.


È quanto emerge dalla decima edizione di “Esportare la Dolce Vita”, il rapporto realizzato dal Centro Studi di Confindustria con il sostegno di Sace Simest, la collaborazione con la Fondazione Manlio Masi e il contributo di Confindustria Ceramica, Cosmetica Italia, Federalimentare e Ucina. La ricerca quest’anno si focalizza su “Il potenziale dei beni finali di consumo belli e ben fatti sui mercati esteri” con l’obiettivo di fornire un quadro delle aree geografiche, i settori su cui puntare e il tipo di concorrenza con cui è necessario misurarsi. I prodotti belli e ben fatti (BBF) sono tutti quei beni finali di consumo che l'Italia esporta a prezzi elevati e che si contraddistinguono per design, cura, qualità dei materiali e delle lavorazioni, contribuendo a diffondere nel mondo l’immagine dell’Italian way of life.

La studio stima per il BBF un ulteriore potenziale di export di quasi 45 miliardi di euro, di cui 33,5 mld verso i paesi avanzati e 10,9 verso gli emergenti. I paesi avanzati su cui puntare sono: Stati Uniti (8,2 miliardi di euro), Germania (3,3 miliardi), Giappone (2,6 miliardi), Regno Unito (2,5 miliardi) e Francia (2,1 miliardi). Tra le economie emergenti i mercati principali risultano Cina (3,3 miliardi di euro), Emirati Arabi Uniti (1,3 miliardi), Qatar (0,8 miliardi), Arabia Saudita (0,8 miliardi) e Russia (0,6 miliardi). Stati Uniti, Cina e Germania sono quindi i principali mercati per opportunità di export, anche se per ragioni diverse.

Per quanto riguarda i settori, oltre a quelli che rientrano nelle cosiddette “tre F” di fashion, food, furniture, i comparti a più alto contenuto di prodotti di qualità ed eccellenze spaziano su un’ampia gamma che va dalla cosmetica alla ceramica, dalla nautica ai motocicli. Tutti settori che sono stati tra i più dinamici dopo la crisi del 2008. L’Italia, inoltre, è prima al mondo per quote di BBF in Legno e arredo, Pelletteria, Calzature, Tessile e abbigliamento.

Le crescenti spinte protezionistiche, infine, rischiano di danneggiare molti comparti del made in Italy e di ridimensionare il loro potenziale di crescita verso numerosi mercati di sbocco, USA in primis. Seppure l’Italia non è per ora tra i paesi più colpiti, alcuni prodotti legati al BBF ne sono già risultati danneggiati. La risposta in questo contesto di crescenti tensioni viene dagli accordi commerciali, che aiutano a creare certezze per favorire gli scambi. Nel rapporto si approfondiscono tre accordi sottoscritti dall’Unione europea negli ultimi anni, ossia quelli con il Canada, la Corea del Sud e il Giappone.

Per concludere, “Esportare la Dolce Vita” indica tre assi su cui puntare per trasformare l’export da potenziale in effettivo: continuare a promuovere gli accordi commerciali, potenziare la presenza del made in Italy sulle piattaforme di e-commerce e contrastare i fenomeni dell’italian sounding e della contraffazione.


Per leggere il Rapporto completo clicca qui.



Stampa veloce


Decima giornata nazionale pmi: Confindustria L'Aquila Abruzzo interno incontra gli studenti





Comunicato Stampa


Confindustria L'Aquila incontra gli studenti. In occasione della Decima giornata nazionale delle piccole e medie imprese, in programma domani, 15 novembre, organizzata da Piccola industria Confindustria in collaborazione con le associazioni del sistema, gli Industriali della provincia dell'Aquila apriranno le porte di tre aziende, la Euroconic di Avezzano, la William Di Carlo e la Beta Utensili di Sulmona, per per raccontarsi, per mostrare alle nuove generazioni cosa significa fare impresa e con quale impegno, passione e dedizione vengono realizzati i prodotti o i servizi che arrivano sul mercato. A partire dalle 10 i ragazzi dell'Itis Maiorana di Avezzano e dell'Istituto comprensivo di Sulmona, avranno la possibilità di effettuare visite guidate in azienda “per far conoscere alle nuove generazioni il mondo dell'impresa”. “Un momento di confronto con le scuole”, afferma Roberto Monfredini, vice presidente di Confindustria L'Aquila Abruzzo Interno con delega alla Piccola industria, “che deve servire a fertilizzare e promuovere l'autoimprenditorialità tra gli studenti degli istituti superiori come alternativa all'ideologia classica del posto fisso e come opportunità di un nuovo percorso professionale”. Un'inziativa che, come sottolineato da Monfredini, “si inserisce nell'ambito di quel processo culturale di legittimazione del ruolo dell'impresa e del suo impegno a favore della crescita economica e del benessere sociale, uno degli obittivi prioritari di Confindustria. L'esperienza in azienda”, conclude Monfredini, “offre agli studenti l'opportunità di vedere da vicino la realtà produttiva e di conoscere l'impegno che gli imprenditori condividono con i propri collaboratori nella realizzazione di prodotti e servizi, i risultati raggiunti e i progetti futuri”. Il “Piccole e medie imprese day” è nato come momento di diffusione della cultura d'impresa in relazione alle diverse tematiche su cui agisce e punta il mondo confindustriale.







Stampa veloce


AVVISO IMPORTANTE - Fondirigenti - AVVISO 1/2019: presentazione piani formativi alle parti sociali




Federmanager Abruzzo Molise e Confindustria L’Aquila al fine di gestire la nuova modalità di condivisione on line a livello territoriale, di cui si rimanda al Testo Integrale e alle Linee Guida per tutti i dettagli, nonché garantire la valutazione dei Piani proponendi, invitano le Aziende a trasmettere gli stessi a Federmanager e a Confindustria L’Aquila , sempre attraverso il sistema web, entro e non oltre il 25 novembre 2019.

Una volta che le Parti sociali condivideranno il Piano, il sistema web invierà alla PEC aziendale e all’indirizzo e-mail del Rappresentante Legale e del Referente Aziendale la comunicazione di avvenuta condivisione.

Qualora un Piano venisse sospeso dalle Parti Sociali, il sistema web trasmetterà alla PEC aziendale e all’indirizzo e-mail del Rappresentante Legale e del Referente Aziendale una comunicazione sullo stato del Piano con i recapiti dei Rappresentanti incaricati della condivisione per i necessari approfondimenti. A seguito del ricevimento della e-mail, l’utente dovrà rientrare nella propria Area riservata ed effettuare le eventuali modifiche richieste dalle Parti Sociali.

Per evitare disguidi e rallentamenti nel processo di condivisione è importante che gli indirizzi e-mail dei Referenti aziendali siano corretti ed aggiornati.
prorogato il termine di presentazione

Il termine unico di presentazione dei Piani formativi (inizialmente previsto per il 14 novembre 2019) è stato prorogato alle ore 11.00 del 2 dicembre 2019.


Per info e chiarimenti: Tel 0862.317938




Stampa veloce


Approfondimento della Banca d’Italia sulle determinanti delle trasformazioni dei contratti a termine nel 2018




La Banca d’Italia ha pubblicato il rapporto 2019 sulle Economie Regionali, che nel capitolo relativo al mercato del lavoro contiene un interessante approfondimento sul trend osservato nelle trasformazioni dei contratti a termine nel 2018.

Innanzitutto, Bankitalia conferma che nel 2018 le trasformazioni di contratti a termine hanno trainato l’aumento delle posizioni lavorative permanenti. In particolare, rispetto al 2017 al centro-nord il numero di contratti stabilizzati è quasi raddoppiato, mentre è salito di circa il 60 per cento al sud.

L’approfondimento alle pagine 30 e 31 del rapporto è relativo proprio allo studio di quanta parte di questo incremento delle trasformazioni è imputabile all'effetto “meccanico” (ovvero dovuto all'elevato numero di contratti trasformabili in quanto avviati a termine nel 2016-2017) e quanto invece è dovuto all'andamento dell’economia e all'aumento della probabilità di stabilizzazione, su cui potrebbero aver inciso le modifiche della normativa (in particolare la stretta sui contratti a termine ad opera del decreto dignità).

Il flusso di nuove trasformazioni dei contratti può aumentare in maniera quasi automatica perché sono stati attivati molti contratti a termine negli anni precedenti, a parità di inclinazione delle imprese a trasformarne una parte. La Banca d’Italia calcola che questo effetto meccanico sia responsabile di circa la metà dell’incremento delle trasformazioni verificatosi nel 2018.

Il restante incremento è dovuto invece alla crescita del tasso di conversione dei contratti, ovvero della probabilità di stabilizzazione, dovuta a diverse determinanti: incentivi per assunzioni e trasformazioni dei contratti a tempo indeterminato, andamento del ciclo economico e, in ultima analisi, modifiche della normativa.

Per quanto riguarda gli incentivi di natura contributiva in vigore dal 2018 per i giovani, Bankitalia stima che questi abbiano determinato una maggior crescita delle trasformazioni per circa sei punti percentuali nel Centro Nord e per tre punti percentuali nel Mezzogiorno (dove l’effetto più basso è probabilmente dovuto alla concorrenza dell’altro bonus occupazionale finanziato con i fondi europei, “Incentivo Occupazione Mezzogiorno”).

Il resto della crescita delle trasformazioni è probabilmente legata all'aumento del tasso di conversione dei contratti, a sua volta causato dall'andamento del ciclo economico e, a partire da luglio 2018, in via residuale, dalle norme del “decreto dignità”.

Per quanto riguarda il decreto dignità, la normativa rende più difficile l’utilizzo dei contratti a termine per più di 12 mesi. In ragione di ciò, oltre ad influenzare le trasformazioni, il decreto ha probabilmente influito negativamente sulla probabilità complessiva che un lavoratore a tempo determinato risulti ancora occupato, con qualsiasi tipo di contratto, a un anno dall'assunzione: il calo è lieve ma significativo al Centro-Nord, dove l’impiego da parte delle imprese di lavoratori a termine per più di 12 mesi era più diffuso.


Il rapporto completo è al seguente link https://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/economie-regionali/2019/2019-0022/19-22-eco-regio.pdf





Stampa veloce


Servizio gratuito di diagnosi della proprietà industriale (brevetti, marchi e disegni) e suggerimenti per la loro valorizzazione.




Ricordiamo che già dallo scorso anno è attivo un servizio completamente gratuito per le Imprese Associate volto alla diagnosi, identificazione, protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale tale da fornire utili suggerimenti per poterla valorizzare.
Il servizio viene erogato dal personale dell’Ufficio di Trasferimento Tecnologico dell’Università dell’Aquila, nell’ambito di un progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, di cui è responsabile il Prof. Luciano Fratocchi, referente di Ateneo per il trasferimento tecnologico.
Le aziende che manifesteranno il proprio interesse saranno contattate per poter effettuare una visita (della durata massima di un’ora) nel corso della quale verranno discussi i temi della conoscenza, tutela, gestione e valorizzazione dei titoli di proprietà industriale. Le informazioni di cui si verrà in possesso saranno ovviamente trattate solo a livello aggregato e nel pieno rispetto della vigente normativa.
A chiusura delle attività sarà consegnato all’azienda uno specifico report nel quale saranno riepilogate in forma organica le informazioni gestite e saranno indicati alcuni possibili suggerimenti per un percorso di valorizzazione dei titoli di proprietà industriale.
Le Aziende Associate che intendono attivare il servizio sono invitate a comunicare RAGIONE SOCIALE, NOMINATIVO REFERENTE e RECAPITI (telefono ed email) agli indirizzi:
-Ufficio Trasferimento Tecnologico: trapar@strutture.univaq.it - alessandra.montesanti@cc.univaq.it
-Confindustria L’Aquila: saracino@confindustria.aq.it
Per maggiori informazioni: tel. 0862.432749



Stampa veloce


Reddito di cittadinanza e Quota 100: dai risparmi meno spinta su consumi e PIL - Infografica CSC

All’avvio del Reddito di Cittadinanza e di Quota 100, il Centro Studi Confindustria stimava un impatto sui consumi privati crescente nel tempo e pari rispettivamente a +0,8 e +0,6 per cento al 3° anno, assumendo che i fondi stanziati per le misure venissero tutti impegnati. Ipotesi che va rivista alla luce delle domande pervenute, ben inferiori alle attese:

• A inizio ottobre 2019 i nuclei beneficiari di Rdc erano 943mila. A fine anno potrebbero di poco superare il milione, contro i quasi 1,3 milioni, già da aprile, stimati nella relazione tecnica al provvedimento.

• A fine settembre l'INPS aveva ricevuto 185mila domande per Quota 100, di cui il 51 per cento solo il primo mese, quando sono arrivate le richieste di coloro che già possedevano i requisiti a fine 2018. Si stima che a fine 2019 i beneficiari della misura non supereranno i 200mila, circa il 35 per cento in meno rispetto a quanto previsto.

Se da un lato un utilizzo inferiore alle attese genera risparmi per lo Stato, dall’altro lato smorza l’impatto atteso su consumi e PIL, soprattutto, ma non solo, nel 2019.







Stampa veloce


“CATEGORIA 2 BIS” - Corso di formazione gratuito - giovedì 31 ottobre 2019



Segnaliamo che la Sezione Abruzzo dell’Albo Gestori Ambientali, attraverso l’Agenzia per lo Sviluppo, Azienda speciale della Camera di Commercio dell’Aquila, ed in collaborazione con Ecocerved, ha organizzato un corso denominato “CATEGORIA 2 BIS” che si terrà il 31 ottobre p.v. dalle ore 9:00 alle ore 13:00 presso la sede dell'Agenzia per lo Sviluppo, in località Bazzano (AQ), ed offrirà un ampio approfondimento alle norme relative alla genesi del rifiuto.
Per informazioni:daniela.scimia@agenziaperlosviluppo.aq.camcom.it.

La partecipazione al corso è gratuita.

Si allega Locandina del Corso.
locandina.pdf



Stampa veloce


Vai a pagina       >>  



Ultime Aziende Associate




Struttura Operativa