Documenti
Circolari

Nessun evento in questo mese.

LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829 
Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]
Convenzioni
Convenzioni


Presentazione MEPA




Bando INAIL ISI 2019. Finanziamenti alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Scadenza 29 maggio 2020 per la compilazione delle domande.



E' stato pubblicato il bando Isi 2019, con il quale l'INAIL mette a disposizione 251.226.450 euro in finanziamenti a fondo perduto per la realizzazione di progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

I destinatari degli incentivi sono le imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura e, per l’asse 2 di finanziamento, anche gli Enti del terzo settore.

La compilazione delle domande, esclusivamente attraverso procedura informatica, potrà avvenire dal 16 aprile 2020 al 29 maggio 2020.

Le risorse finanziarie per l’Abruzzo ammontano complessivamente a 6.898.949,00 euro.
L'importo massimo erogabile è di 130.000 euro per i progetti appartenenti agli assi 1, 2 e 3, di 50.000 euro per i progetti appartenenti all'asse 4 e 60.000 euro per i progetti appartenenti all'asse 5.




Leggi il resto...

Stampa veloce


Emergenza Coronavirus - task force Confindustria

Emergenza Coronavirus - task force Confindustria


A circa due settimane dalla diffusione dell’emergenza Coronavirus, molte imprese continuano ad affrontare notevoli difficoltà logistiche e di gestione delle risorse.

Confindustria si è da subito attivata per rispondere alle richieste di informazioni e di supporto segnalate dal Sistema al fine di garantire la piena operatività delle nostre imprese e di favorire il ritorno a una situazione di normalità nel più breve tempo possibile.

Al fine di rispondere in maniera sempre più puntuale ed efficiente alle richieste del Sistema, Confindustria ha costituito una task force interna che vede coinvolti i colleghi per aree di competenza (salute, lavoro, previdenza, relazioni diplomatiche, rapporti con le istituzioni, comunicazione).

La taskforce costituirà altresì il punto di contatto con l'Unità di Crisi della Farnesina e con il Ministero della Salute con cui saranno condivise le informazioni e le problematiche segnalate via via dalle imprese.

Confindustria ha inoltre richiesto a ICE Pechino una mappatura delle aree geografiche dove le fabbriche hanno ripreso regolarmente l’attività o sono in procinto di riaprire e di quelle dove, invece, le autorità hanno prorogato il periodo di blocco forzato.


Di seguito, le principali questioni finora emerse.

Contatto con le merci: si segnalano difficoltà nella gestione del personale di imprese in Italia che si rifiuta di entrare a contatto con le merci in arrivo dalla Cina.

Rimpatrio lavoratori da/verso la Cina: molte imprese hanno la necessità di rimpatriare lavoratori verso la Cina in vista della riapertura degli impianti. Altre devono, invece, rimpatriare lavoratori italiani che, seppure lontani dall’area di Wuhan, chiedono di rientrare in Italia. Gran parte delle compagnie aeree ha interrotto i voli con la Cina. Al momento è ancora possibile transitare per gli Emirati ma è possibile una chiusura anche di questa tratta nei prossimi giorni.


Leggi il resto...

Stampa veloce


WELFARE INDEX PMI - Indagine sul welfare aziendale 2020. Partecipazione gratuita



Confindustria ha confermato anche per il 2020 la partecipazione al progetto “Welfare Index PMI – Indagine sul welfare aziendale”, promosso da Generali Italia con la partecipazione di alcune tra le principali Confederazioni di rappresentanza.

Giunta alla quinta edizione, l’iniziativa è rivolta alle PMI, con lo scopo di analizzare la diffusione del welfare aziendale nel sistema produttivo italiano.


Sul sito www.welfareindexpmi.it potrete trovare:

· il rapporto integrale sulla diffusione del welfare aziendale nelle imprese italiane;
· le "storie" delle imprese premiate.

Le Aziende interessate potranno accedere al questionario online, nonché alle relative note informative, attraverso il seguente link:
https://ricerche.innovationteam.eu/index.php/100200/lang-it

Leggi il resto...

Stampa veloce


Comunicato Stampa - Il presidente nazionale di Confindustria, Boccia, all'Aquila: Imprese e mondo accademico insieme per un futuro di rinascita. Aquilani esempio di resilienza”.



Comunicato stampa


“Restano ancora tante le sfide da vincere, soprattutto nel sollecitare l'azione pubblica della ricostruzione, che risulta un passo indietro, ma il rapporto proficuo che qui è stato instaurato con l'Università e con le altre istituzioni fa ben sperare in un futuro di piena rinascita e soddisfazioni”. Lo ha dichiarato il presidente nazionale di Confindustria, Vincenzo Boccia, intervenendo, oggi, all'Aquila, nella sede confindustriale, al convegno “Innovazione, sviluppo, ricostruzione: il futuro delle aree interne”, organizzato da Confindustria L'Aquila Abruzzo Interno per il decennale del sisma 2009. “Un futuro”, ha dichiarato il presidente Boccia, “che sappia risarcire, dal colpo ricevuto, imprese e cittadini, esemplari nella loro resilienza, come sta già avvenendo grazie alla capacità di attrazione che un territorio così reattivo sta esercitando su manifatture innovative e altamente tecnologiche. A dieci anni dal sisma”, ha aggiunto Boccia, “dobbiamo dire grazie agli amici di Confindustria L'Aquila Abruzzo Interno per la passione e la costanza che mettono nel promuovere un'azione che, almeno dal lato privato, sta marciando con soddisfazione”.

Il presidente di Confindustria L'Aquila, Riccardo Podda, ha evidenziato, nel suo intervento, come “innovazione, sviluppo, ricostruzione siano i tre filoni principali su cui si declina il futuro delle aree interne. Tema scelto non a caso, per l'iniziativa odierna, con l'obiettivo di promuovere una strategia di rilancio del territorio montano, della provincia dell'Aquila e delle zone colpite dal sisma del 2009. La presenza del presidente Boccia e il confronto con la qualificata platea del mondo produttivo e con le istituzioni, rappresenta l'occasione per individuare misure urgenti e straordinarie di sviluppo economico-sostenibile in grado di realizzare una netta inversione di tendenza rispetto agli attuali scenari. Confindustria non può non richiamare l'attenzione”, ha detto Podda nella sua relazione, “su alcuni grandi temi che investono il settore imprenditoriale e l'intera economica del territorio, come la certezza dei finanziamenti per la ricostruzione della città dell’Aquila e del cratere, la progettazione di un sistema di marketing territoriale, anche in virtù della disponibilità dei fondi del 4%, il Digital Innovation Hub, secondo le indicazioni di Industria 4.0, progetto sul quale Confindustria è impegnata in prima linea, un rafforzamento del sistema creditizio e lo sviluppo del turismo, in un’ottica prettamente eco-sostenibile, oltre a strumenti di incentivazione e burocrazia zero per l’apertura di nuovi stabilimenti produttivi”.

Soddisfazione è stata espressa dal direttore di Confindustria L'Aquila, Francesco De Bartolomeis, “per la risposta del comparto imprenditoriale, che ha dimostrato grande attenzione per le tematiche in discussione: il rilancio del territorio, la sinergia con il mondo accademico, nuovi scenari e possibili investimenti. Una vivacità della base associativa che diventa strumento propositivo per le politiche industriali dei prossimi anni”.



Leggi il resto...

Stampa veloce


FONDIMPRESA ABRUZZO - Invito a "FORMIAMOCI: Seminario formativo sull'Avviso 2/2019 PMI Fondimpresa!" - 10 Febbraio, ore 15.00, Pescara



Segnaliamo che lunedì 10 Febbraio, alle ore 15.00, a Pescara, presso la sede di Confindustria Chieti Pescara, si terrà "FORMIAMOCI: Seminario formativo sull’Avviso 2/2019 PMI!".

Il seminario è gratuito ed ha lo scopo di presentare l’Avviso 2/2019 di Fondimpresa - Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni!

Con l’Avviso, Fondimpresa ha stanziato 20 milioni di euro per la realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali rivolti ai lavoratori delle PMI aderenti di minori dimensioni.

La presentazione delle domande sarà consentita dalle ore 9:00 del 17 febbraio 2020 fino alle ore 13:00 del 20 aprile 2020.


Il contributo aggiuntivo è concesso ai piani presentati sul "Conto Formazione" per un importo compreso tra 1.500,00 e 10.000,00 euro per azienda, nel rispetto dell’intensità massima consentita in base al regime di aiuti applicato e sulla base del maturando iniziale dell’anno in corso su tutte le matricole del Conto Formazione aziendale; in caso di piano interaziendale tali soglie valgono per singola impresa partecipante, secondo le modalità e le condizioni previste dall'Avviso.


Il finanziamento massimo ammissibile, risultante dalla somma del contributo aggiuntivo nei limiti dell’intensità massima prevista per azienda beneficiaria e la totalità delle risorse accantonate sul Conto Formazione, non può superare l’importo complessivo di 40.000 (quarantamila) euro.


L’avviso 2/2019, le relative linee guida e tutta la documentazione di riferimento è consultabile e scaricabile al seguente link: https://www.fondimpresa.it/come-funzioniamo/i-canali-di-finanziamento/contributo-aggiuntivo/avvisi-aperti/1572-avviso-2-2019-pmi

Per informazioni ed iscrizioni è possibile contattare gli Uffici di Fondimpresa Abruzzo (https://www.fondimpresa.it/…/articolazioni-territor…/abruzzo)





Stampa veloce


IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA VINCENZO BOCCIA A L'AQUILA



Giovedì 6 febbraio 2020, alle ore 16:00, nella sala convegni di Confindustria L’Aquila, nel Nucleo Industriale di Pile, si terrà il convegno dal titolo:

INNOVAZIONE, SVILUPPO, RICOSTRUZIONE: il futuro delle aree interne

organizzato da Confindustria L’Aquila Abruzzo Interno in occasione del decennale del sisma del 2009.
Il convegno rappresenta un importante momento di confronto tra il mondo produttivo e le istituzioni, con l’obiettivo di promuovere una strategia di sviluppo delle aree interne, basata sui driver dell’innovazione e della ricerca.

Interverrà il Presidente di Confindustria Nazionale Vincenzo Boccia.

Per ragioni organizzative e di sicurezza l’accesso in Sala sarà consentito esclusivamente ai partecipanti accreditati (0862 317938)


programma_evento__6_febbraio_2020.pdf


Stampa veloce


Brexit Begins – Ha inizio la Brexit. Infografica CSC

La netta vittoria elettorale del Premier britannico Boris Johnson a dicembre, e il conseguente consenso del Parlamento di Westminster all’uscita del Regno Unito dall’UE, hanno contribuito a dissipare alcune delle incertezze legate alla Brexit.

Migliorano gli ordinativi delle imprese UK, che a inizio 2020 hanno fatto segnare un progresso negli indici dei responsabili degli acquisti (PMI).

Restano però da sciogliere alcuni nodi fondamentali, primo tra tutti quello delle future relazioni commerciali tra UE e Regno Unito. Ciò spiega perché, seppure in lieve miglioramento, la fiducia dei consumatori e la quotazione della sterlina restano basse rispetto ai livelli precedenti il referendum del 2016.

Cosa sta accadendo e cosa accadrà? Dalla mezzanotte del 31 gennaio 2020, il Regno Unito cessa di essere uno stato membro dell’UE, anche se resta di fatto nel Mercato Unico almeno per un periodo transitorio di 11 mesi. Già da venerdì 31 cambia qualcosa però: il Regno Unito non parteciperà più al processo legislativo, seppure continuerà a sottostare alla legislazione europea per tutta la durata del periodo transitorio.

A partire da febbraio si potranno avviare le discussioni legate agli accordi che regoleranno, tra l’altro, le future relazioni commerciali tra UE e UK. Il 30 giugno 2020 è il termine ultimo per stabilire eventuali proroghe del periodo transitorio qualora si restasse indietro nelle negoziazioni.




infograficacsc_brexit_310120_confindustria.pdf


Stampa veloce


Cina: aggiornamento nuovo coronavirus

A seguito della diffusione del “nuovo coronavirus” (2019-nCoV), originatosi dalla città di Wuhan nella provincia cinese dell’Hubei, il Ministero degli Affari Esteri italiano raccomanda di evitare tutti i viaggi nella provincia dell’Hubei.

Dal 31 dicembre 2019 si continuano a registrare casi di persone affette da coronavirus e sebbene la grande maggioranza si trovi a Wuhan, sono state coinvolte anche altre città e province nel Paese, tra le quali Pechino, Shanghai e il Guangdong.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) non ha al momento emanato specifiche raccomandazioni. Le autorità locali stanno adottando le necessarie misure di contenimento, tra le quali l’interruzione dei collegamenti in uscita dalla città di Wuhan, la sospensione della circolazione dei mezzi pubblici e ulteriori restrizioni alla circolazione anche su strade e autostrade.

Gli uffici pubblici resteranno chiusi fino al 2 febbraio. Le autorità cinesi hanno inoltre posticipato la riapertura delle scuole e di alcuni campus universitari. Casi di infezione da coronavirus sono segnalati anche al di fuori della Cina e, come stiamo leggendo in queste ore, il fenomeno è in evoluzione.

Si segnala inoltre che il Ministero della Salute italiano ha costituito una “task force coronavirus 2019-nCoV” per un maggior coordinamento con tutte le Istituzioni competenti. Una nuova equipe di medici e personale sanitario rafforzerà ulteriormente i controlli negli aeroporti e integrerà lo staff della sala operativa del numero verde 1500 attivo 24 ore su 24.


Si allegano:
la nota aggiornata predisposta dall’Unita di Crisi della Farnesina; focus_coronavirus_udc27_01_20.pdf

la Circolare del Ministero della Salute emessa il 22 gennaio e i relativi consigli per i viaggiatori. circolare_coronavirus.pdf

Per maggiori informazioni si raccomanda di consultare periodicamente il Focus Coronavirus, pubblicato sulla homepage del sito www.viaggiaresicuri.it e dell’OMS https://www.who.int/health-topics/coronavirus.




Stampa veloce


Indagine Rapida su Produzione industriale: recupera l'attività in gennaio (+1,0%) dopo la caduta di dicembre (-1,1%); migliorano le attese




La produzione industriale italiana resta sostanzialmente stabile nella media degli ultimi due mesi. La caduta rilevata in dicembre (-1,1%) è stata quasi interamente annullata dal recupero di gennaio (+1,0%). Tale dinamica conferma il persistere di un contesto economico estremamente debole ma vi sono alcuni segnali che lasciano intravedere un miglioramento nei mesi invernali. In particolare il sostegno verrebbe soprattutto dalla componente interna della domanda, specie dai consumi.


indagine_rapida_sulla_produzione_industriale_290120_confindustria.pdf


Stampa veloce


Infografica dal CSC - Ancora troppo pochi investimenti pubblici

Nei primi sei mesi del 2019 è stato finanziato dalle amministrazioni pubbliche solo il 39,1 per cento dell'obiettivo annuo di spesa per investimenti pubblici in Italia. Tale quota, in netta diminuzione rispetto agli ultimi quattro anni, conferma le criticità legate alle difficoltà di spendere le risorse disponibili, già scarse.


Tra il 2014 e il 2019, l'Italia ha destinato solo il 2,3 per cento del PIL per realizzare investimenti pubblici, un livello ben inferiore alla media dell'Eurozona (2,7 per cento) e superiore solo a Spagna, Irlanda e Portogallo.

È necessario superare le difficoltà di spesa, aumentando gli stanziamenti e rimuovendo gli ostacoli amministrativi. Gli investimenti pubblici sono volano di quelli privati e, come componente della domanda, sostengono il PIL mentre contribuiscono anche alla dinamica del prodotto potenziale






infograficacsc_investimenti_pubblici_200120_confindustria.pdf


Stampa veloce


Vai a pagina       >>  



Ultime Aziende Associate




Struttura Operativa