top of page

Emergenza migranti - Reperimento immobili e capannoni per richiedenti protezione internazionale



Alla luce della nota situazione emergenziale connessa ai continui arrivi di richiedenti protezione internazionale sul territorio nazionale, il sistema di accoglienza dei migranti risulta carente di disponibilità alloggiative; il Ministero è alla ricerca di soluzioni alloggiative private per far fronte all’emergenza.

Confindustria L’Aquila su richiesta della Prefettura dell’Aquila, intende farsi parte diligente nel reperimento immobili e capannoni industriali da destinare all’ospitalità dei richiedenti asilo che in questi giorni stanno registrando numeri da record.


L’accoglienza dei richiedenti asilo può essere svolta presso centri collettivi, hotel, alberghi, palazzine di proprietà, presso singole unità abitative e anche presso capannoni industriali di proprietà di aziende che siano dotati di urbanizzazioni (allaccio alla fognatura, energia elettrica, acqua ecc..) e servizi igienici funzionanti, e/o con corte esterna per l’eventuale allestimento di campi tenda. Tali beni possono essere offerti in locazione a enti gestori dei servizi di accoglienza per richiedenti asilo, i quali si occupano della concreta predisposizione dell’ospitalità dei medesimi e della cura degli immobili locati.


I servizi minimi di accoglienza da garantire con riferimento ai richiedenti protezione internazionale sono svolti da enti gestori dotati di specifici requisiti di affidabilità e professionalità, fissati dal Decreto Ministeriale del 29 gennaio 2021, disponibile al link:

Si richiede pertanto di far pervenire entro il 13 ottobre p.v. eventuali manifestazioni di interesse in tal senso, al fine di ricevere maggiori informazioni e di essere posti in contatto diretto con enti gestori dei servizi di accoglienza, inviando una mail a gargano@confindustria.aq.it contenente la tipologia e le caratteristiche del bene destinato a tale attività.


Sarà nostra cura attivare successivamente i contatti diretti con gli organi preposti.

0 commenti

Comments


bottom of page