top of page

Sette giorni - newsletter di Confindustria del 17 maggio 2024


I temi della settimana 

  

B7 CONFINDUSTRIA, MARCEGAGLIA AL FINAL SUMMIT: SFIDE IMMENSE, AGIRE INSIEME.

LA CHAIR CONSEGNERA’ STASERA LE RACCOMANDAZIONI DELL’INDUSTRIA ALLA PREMIER GIORGIA MELONI


“Le sfide e le opportunità che dobbiamo affrontare oggi sono immense. Non esiste un piano B se non quello di lavorare insieme, settore pubblico e privato, per affrontarle e trarne il meglio”. Lo ha detto Emma Marcegaglia, presidente del B7, il gruppo di lavoro delle 'confindustrie' in parallelo al G7 in Italia, in occasione del B7 Final Summit di oggi organizzato da Confindustria, preannunciando le raccomandazioni sulle urgenze più pressanti che il mondo dell'industria dei Paesi G7 presenteranno ai Governi. Priorità contenute nella Dichiarazione Finale che verrà consegnata questa sera alla premier Giorgia Meloni in vista del vertice dei Capi di Stato in programma dal 13 al 15 giugno a Borgo Egnazia. Emma Marcegaglia ha affermato "Abbiamo concentrato le nostre raccomandazioni sulle urgenze più pressanti e sulle transizioni che stiamo attraversando. Per avere successo è imperativo e urgente rafforzare la nostra competitività e ridurre il divario esistente tra i Paesi del G7, soprattutto tra Stati Uniti ed Europa”. La Chair ha chiesto "Due grandi patti, tra politica e impresa, e tra i governi del G7”. Nel dettaglio: "Per quanto riguarda il commercio e la catena del valore globale, abbiamo bisogno di quadri comuni per affrontare la dipendenza critica - soprattutto dalla Cina - dalle materie prime e per garantire la sicurezza economica, ma allo stesso tempo dobbiamo mantenere i mercati aperti e ridurre le misure protezionistiche”. “Per quanto riguarda le transizioni energetiche, abbiamo bisogno di politiche comuni per bilanciare le preoccupazioni ambientali con la crescente domanda globale di energia. La transizione "deve essere improntata alla più ampia neutralità tecnologica senza pregiudizi ideologici, sfruttando tutte le opzioni disponibili". Marcegaglia ha spiegato "Abbiamo bisogno di tassonomie comuni, chiare e semplici, e di quadri coordinati per la determinazione dei prezzi del carbonio. E sono necessari fondi di investimento multilaterali per promuovere le catene di valore delle tecnologie verdi del G7". Uno dei temi chiave è la sfida dell'intelligenza artificiale. "Sono necessari codici etici comuni allineati al rispetto dei diritti umani e una visione inclusiva della società. Dobbiamo convergere sul piano normativo evitando oneri eccessivi per le imprese, perché investire nell'IA e nelle sue applicazioni, in modo etico e inclusivo, moltiplicherà la produttività e la competitività, espanderà il mercato del lavoro e migliorerà i progressi in settori chiave come la sanità e le scienze della vita" E ancora, nella visione del B7, “investire nel capitale umano rimane fondamentale. Dobbiamo aggiornare il sistema educativo e colmare le lacune nelle competenze STEM e digitali per adattarci a un mercato del lavoro in continua evoluzione e per ottenere una più ampia inclusione sociale". Tra i numerosi autorevoli ospiti nazionali e internazionali intervenuti oggi al summit: il Vicepresidente del Consiglio dei Ministri, Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, Gilberto Pichetto Fratin, il Ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone, lo Sherpa G7, Elisabetta Belloni, il Ministro britannico dell'Industria e della Sicurezza Economica, Alan Mak, il CEO BlackRock, Larry Fink, il Segretario Generale OCSE, Mathias Cormann, il Direttore Generale FAO, Qu Dongyu, il Presidente Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro, il CEO Cassa Depositi e Prestiti, Dario Scannapieco, il Vice Presidente Esecutivo Pirelli & C., Marco Tronchetti Provera, il CEO ENI, Claudio Descalzi, il CEO e Direttore Generale Leonardo, Roberto Cingolani e il Vice Presidente di Confindustria per la Digitalizzazione e di CISCO Sud Europa, Agostino Santoni. 

  

BONOMI AL CORRIERE DELLA SERA: I DAZI SUI VEICOLI DELLA CINA NECESSARI ANCHE IN EUROPA 


"Quel che stan­no fa­cen­do da anni gli Sta­ti Uni­ti per me è chia­ro: da quan­do Pe­chi­no ha lan­cia­to il suo pia­no ‘Chi­na 2035’ per ar­ri­va­re al pri­mo po­sto al mon­do nel­l’in­du­stria avan­za­ta e nel­le tec­no­lo­gie, la Casa Bian­ca ha ri­spo­sto. Le prio­ri­tà di­ven­ta­no l’au­to­no­mia ener­ge­ti­ca, il con­trol­lo del­le ter­re rare, il ri­tor­no in pa­tria del­le pro­du­zio­ni es­sen­zia­li. Avrem­mo do­vu­to far­lo an­che noi". Così il Pre­si­den­te Car­lo Bo­no­mi in un'in­ter­vi­sta al Cor­rie­re del­la Sera che, a pro­po­si­to del­l'au­men­to dei dazi Usa sul­le auto elet­tri­che ci­ne­si, ha det­to: "Cer­to que­sti dazi non pos­so­no es­se­re l’u­ni­ca ri­spo­sta, ma noi eu­ro­pei do­vrem­mo fare lo stes­so: dare se­gna­li chia­ri e muo­ver­ci con ef­fi­ca­cia, se ci sono po­ten­ze in­du­stria­li nel mon­do che di­stor­co­no la con­cor­ren­za con pe­san­ti sus­si­di in tut­ti i set­to­ri nei qua­li vo­glio­no spin­ge­re l’ex­port". E an­co­ra: "I dazi Ue ver­so i pro­dot­ti ci­ne­si sono mol­to più bas­si di quel­li ame­ri­ca­ni. Io sono per il li­be­ro mer­ca­to. Que­sto però non vuol dire che si pos­sa as­si­ste­re si­len­ti al dum­ping di prez­zo ai no­stri dan­ni, per­ché il cam­po di gio­co è di­stor­to dai sus­si­di. E quan­do si par­la di mo­bi­li­tà elet­tri­ca, bi­so­gna guar­da­re al­l’im­pat­to su tut­ta la fi­lie­ra. Non vedo mol­ta so­ste­ni­bi­li­tà se il pri­mo espor­ta­to­re mon­dia­le di li­tio per le bat­te­rie è il Con­go, dove l’e­stra­zio­ne av­vie­ne in con­di­zio­ni inu­ma­ne e spes­so sfrut­tan­do i mi­no­ri. Non si può guar­da­re solo al­l’ul­ti­mo trat­to del­la fi­lie­ra. Se un Pae­se è in an­ti­ci­po su­gli al­tri in que­sta tec­no­lo­gia, non ha di­rit­to a pra­ti­ca­re il dum­ping. Quan­do ne­gli ul­ti­mi anni la Ue ha de­ci­so sfi­dan­ti obiet­ti­vi di tran­si­zio­ne green, ha sba­glia­to a non por­si il pro­ble­ma". Poi a pro­po­si­to dei bo­nus in di­scus­sio­ne con de­du­zio­ni al 120%-130% per chi au­men­ta i con­trat­ti a tem­po in­de­ter­mi­na­to, Bo­no­mi ha ri­spo­sto: “Alla po­li­ti­ca dei bo­nus sono sem­pre sta­to con­tra­rio. Non è que­sta la stra­da per crea­re va­lo­re nel Pae­se. Fare dei bo­nus sul­le as­sun­zio­ni in un pe­rio­do in cui il pro­ble­ma non è tro­va­re la­vo­ro, ma tro­va­re la­vo­ra­to­ri, è una con­trad­di­zio­ne. Si ri­schia di tra­sfe­ri­re ri­sor­se pub­bli­che ad azien­de che quel­le as­sun­zio­ni le avreb­be­ro fat­te co­mun­que: spe­sa pub­bli­ca inu­ti­le”.

0 commenti

Comments


bottom of page