top of page

Rinnovo CCNL Dirigenti Industria: quinta informativa.




Come anticipato nella nostra precedente comunicazione del 29 febbraio 2024, Vi informiamo che lo scorso 7 marzo, in Confindustria, si è svolto l’incontro con la delegazione negoziale di Federmanager, per il rinnovo del CCNL Dirigenti sulle materie del welfare e delle assicurazioni.

 

Federmanager ha posto l’accento sulla necessità di implementare adeguate politiche di welfare e, in particolare:

  • ha prospettato l’opportunità di consolidare la partnership tra FASI e ASSIDAI, favorendo una maggiore diffusione del «Prodotto Unico», per salvaguardare ed elevare il posizionamento sul mercato;

  • con riferimento al Previndai, ha proposto di:

  1. incrementare il massimale retributivo annuo attualmente pari a € 180.000;

  2. elevare l’importo del livello minimo annuo dei contributi a carico azienda attualmente pari a 4.800 euro;

  3. ripartire in modo differenziato le aliquote di contribuzione al Fondo incrementando l’aliquota a carico dell’azienda dal 4 al 5%, ferma restando la facoltà della stessa, previo accordo con il dirigente, di farsi carico di una quota di contribuzione dovuta dal dirigente fino al limite del 3% rimanendo pertanto a carico del dirigente un contributo minimo nella misura dell’1%.

  • ha proposto di introdurre forme di welfare aziendale per destinare uno specifico e distinto importo annuo, spendibile dal dirigente in beni e servizi che beneficiano di incentivi fiscali.

 

La delegazione di Confindustria ha confermato la disponibilità a discutere le diverse questioni sollevate da Federmanager sui temi del welfare senza, però, snaturare il contratto collettivo, che deve continuare ad essere una cornice di garanzia entro cui disciplinare il rapporto fra impresa e manager.

 

In questa prospettiva ha ribadito la necessità di privilegiare le politiche di welfare rivolte alle tematiche della previdenza integrativa e dell’assistenza sanitaria dal contratto collettivo nazionale, ritenendo i temi del welfare contrattuale una prerogativa esclusivamente aziendale.

Confindustria ha evidenziato, quindi, la necessità di considerare complessivamente il quadro dell'attuale sistema di welfare, la sua sostenibilità, anche economica, rispetto alle prospettive occupazionali, ma non solo, connesse con le transizioni digitali e green.

 

Federmanager, poi, ha riaperto la riflessione sull’opportunità – già affrontata nel precedente rinnovo – di tentare di dare attuazione agli artt. 12 e 15 del CCNL tramite una polizza dedicata.

 

Il confronto, però, ha confermato le vedute divergenti che, già durante la precedente fase di rinnovo, non hanno consentito di portare a compimento l’iniziativa.

 

Il prossimo incontro, che si terrà il 20 marzo p.v. nella sede di Confindustria, avrà ad oggetto le questioni relative alla formazione e alle politiche attive.

 

Sarà nostra cura tenervi aggiornati sugli esiti.

0 commenti

댓글


bottom of page